venerdì 7 novembre 2014

Singhare Halwa - Dolce Indiano alle Castagne

Dalla regione indiana del Punjab mi sono spostata nel Bengala, situata nella parte nord orientale dell'India. Il Bengala è una delle regioni più densamente popolate del pianeta, con le foreste di mangrovie più grandi al mondo e l'habitat naturale della tigre del Bengala. In questa regione di pianure attraversate dal fiume Gange,  la castagna d'acqua (Trapa Natans) è una delle più importanti coltivazioni fonte di sostegno per molti agricoltori, il tubero acquatico si consuma come snack lessato o arrostito e viene essiccato per ottenere la farina più o meno come per le più conosciute castagne di terra. "Singhara" o castagna d'acqua è disponibile in India durante la stagione autunnale soprattutto nella regione del Bengala.
Nella cucina indiana c'è una grande varietà di dolci, il Singhare Halwa a base di castagne d'acqua, si usa consumare anche durante i digiuni come unico pasto permesso durante la giornata. La ricetta mi ha incuriosito e mi piace proporla nella mia versione: ho sostituito la farina di castagne d'acqua con farina di castagne di terra e farina di chufa (cipero o zigolo dolce) ottenendo una crema deliziosamente profumata al cardamomo, simile al porridge, un cibo coccola molto saziante adatto per la colazione che piacerà anche ai bambini.  
Singhare Halwa - Dolce Indiano alle Castagne di Armonia Paleo

Singhare Halwa - Dolce Indiano alle Castagne di Armonia Paleo
Singhare Halwa - Dolce Indiano alle Castagne
Ingredienti per 1 porzione
Procedimento
  1. Incidere le bacche di cardamomo e versare i semi in un macina spezie, macinare finemente e tenere da parte.
  2. In una ciotola miscelare la farina di castagne con la farina di chufa.
  3. Scaldare l'olio di cocco in una padella antiaderente, aggiungere la farina di castagne e la farina di chufa e arrostire a fuoco medio per 5-7 minuti rimestando ogni tanto, fino a quando sprigiona un gradevole profumo.
  4. Nel frattempo portare a ebollizione l'acqua in un pentolino.
  5. Unire l'acqua bollente alle farine, rimestando continuamente con un cucchiaio di legno per non formare grumi e cuocere per 2-3 minuti o fino a quando il composto si addensa e si stacca dalla padella.
  6. Aggiungere il miele e il cardamomo macinato e amalgamare bene il composto. 
  7. Mettere la crema in una coppetta e decorare la superficie con scaglie di mandorle sgusciate.
  8. Servire caldo.
Info: La Farina di Chufa, ottenuta dal Cyperus esculentus, conosciuto in Italia come cipero o zigolo dolce, in Spagna come chufa e in Nigeria come tiger nuts, è il tubero di una pianta erbacea. Il tubero di cipero è senza glutine e adatto per il Protocollo Paleo Autoimmune, ha un sapore unico, molto gradevole, naturalmente dolce senza aggiunta di zuccheri, dal gusto simile a mandorla e nocciola. Per il suo alto contenuto di fibre garantisce un grande effetto di sazietà ed è benefico per l'intestino, inoltre è ricco di sali minerali quali ferro, potassio, rame, magnesio e fosforo.
Le castagne di terra si possono consumare come snack lessate o arrostite, aggiunte alle zuppe o nei contorni. Le castagne non contengono glutineA differenza di molti altri frutti a guscio quali mandorle o noci, hanno un basso contenuto di grassi e di acido fitico e sono invece ricche di amido, contengono vitamina C, rame e manganese. Le castagne hanno un alto contenuto di carboidrati, perciò da consumare con moderazione se si vuole perdere peso.
Singhare Halwa - Dolce Indiano alle Castagne di Armonia Paleo

Con questa ricetta dell'India partecipo alla raccolta dell'Abbecedario Culinario Mondiale, ospitato in questa tappa da Cinzia del blog Cindystar 

Singhare Halwa - Dolce Indiano alle Castagne di Armonia Paleo
Ti potrebbe interessare:
Le mie ricette sono basate sulle linee guida Paleo, qui scopri di più sulla mia alimentazione e il mio stile di vita.
Per non perdere nessuna ricetta e ricevere gli aggiornamenti continua a seguirmi anche sulla pagina Facebook

9 commenti:

  1. ricetta bellissima e ricca di contenuti interessanti, grazie
    Sandra

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te Sandra per essere passata da qui! A presto :-)

      Elimina
  2. giuro che non riesco ad immaginare il sapore divino che deve avere questa tua crema dolce, profumatissima con miele di castagnoo e cardamomo! mi viene una voglia ogni volta che passo da te!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ha un sapore squisito, la farina di chufa attenua l'amarognolo della farina di castagne e il cardamomo profuma deliziosamente questa crema! Non ti resta che provarla! ;-)

      Elimina
  3. Dove si trova questa farina di chufa?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Tatiana :-) La farina di chufa la compro online, se clicchi sull'ingrediente della ricetta arrivi al prodotto e puoi leggere le specifiche.

      Elimina
  4. Grazie, Morena, ricetta molto interessante.
    Devo venire a lezione da te per imparare qualcosa di più sulla Paleo e l'uso di questi nuovi (strani) ingredienti ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahah Cinzia la chufa può sembrare strana perché da noi è poco conosciuta mentre in Spagna e in Nigeria la usano abitualmente ed è buonissima. Vieni quando vuoi, ti aspetto per farti assaggiare qualche ingrediente Paleo! :-)

      Elimina
  5. Ottima e invitante crema! Avevo fatto la crema di farina di castagne con latte di cocco e scaglie di cocco, ma questa sarà più aromatizzata e avrà più sapore!

    RispondiElimina

Inserisci un commento...

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.