venerdì 3 maggio 2013

Rugbrød - Pane Paleo "di Segale" Danese

La ricetta di oggi è un punto di partenza per fare gli Smørrebrød, tartine danesi che hanno come base un pane scuro. Infatti, continuando il viaggio in Danimarca con i compagni dell'Abbecedario Culinario della Comunità Europeaho scoperto che i danesi sono conosciuti anche per il Rugbrød, un pane di segale di formato rettangolare, molto in uso in Danimarca.
Inizialmente avevo pensato di modificare una ricetta del pane tradizionale danese ma casualmente ho trovato qui una ricetta di pane paleo tratta da un famoso chef e cercando ancora sono arrivata alla ricetta originale di Thomas Rode Andersen (chef stellato danese, convertito recentemente all'alimentazione Paleo) che propone questo tipo di pane al ristorante Kong Hans di Copenaghen. Perciò ho il piacere di presentare la sua ricetta da cui ho sostituito l'olio di oliva con il ghee, più adatto alla cottura. Devo ammettere che ero molto dubbiosa sulla riuscita di questo pane perché le spiegazioni sono minime e ho quindi seguito la mia idea di macinare una piccola parte di semi di lino, sfornando un pane ai semi misti insolito e degno di uno chef. J


Pane Paleo "di Segale" Danese di Armonia Paleo
Rugbrød - Pane Paleo "di Segale" Danese 
Ingredienti

Procedimento

  1. Preriscaldare il forno a 160°C.
  2. In un pentolino far fondere il ghee e mettere da parte.
  3. In un macina caffè elettrico macinare 3 cucchiai di semi di lino.
  4. Tritare grossolanamente le mandorle, le nocciole, i semi di girasole, i gherigli di noce, i pinoli e i semi di zucca.
  5. In una terrina sbattere le uova con il ghee fuso.
  6. Unire le uova alla miscela di frutta secca e amalgamare bene.
  7. Versare il composto in uno stampo da plumcake (dimensioni cm 6,5 x 23) in silicone oppure foderato con carta forno o uno stampo di carta antiaderente.
  8. Cuocere in forno a 160°C  per 1 ora.
  9. Lasciare raffreddare su una gratella.
  10. Affettare con un coltello seghettato e servire.
Suggerimenti: Questo pane non contiene cereali e non occorre bicarbonato di sodio. Ho usato uno stampo di carta antiaderente. Si conserva bene per 5-6 giorni in frigorifero, avvolto in carta forno e inserito in un sacchetto per alimenti. Si può congelare ed è ottimo abbinato ai cibi salati.
Info: Thomas Rode Andersen ha avuto la certificazione come chef nel 1990 e ha lavorato in molti ristoranti Michelin europei. Alla fine del 1996 è stato assegnato capo chef e direttore del Kong Hans Kaelder a Copenaghen, forse il ristorante più importante in Danimarca. Ha iniziato l'alimentazione Paleo, seguendo i suggerimenti di un amico, per migliorare la salute e la forma fisica, eliminando tutto lo zucchero, gli alimenti ricchi di amido e gli alimenti prodotti dall'industria. Ha continuato entusiasta e convinto che questo sarebbe stato il suo stile di vita futuro, riscoprendo l'appetito nella sua forma pura e facilmente controllabile con una enorme riserva fisica e mentale. "Tutto ha un senso, mangiamo quello per cui siamo progettati di mangiare nel contesto del mondo moderno".
Fonte: Whole 9 Life

Pane Paleo "di Segale" Danese di Armonia Paleo
Con questa ricetta partecipo alla raccolta dell'Abbecedario Culinario della Comunità Europea per la cucina della Danimarca, ospitata da Leonilde del blog Le affinità elettive.



12 commenti:

  1. Questo pane è fantastico, mi piace tantissimo... rustico e saporito! Complimenti, sei sempre bravissima :) Un abbraccio e buon weekend :** P.s.: ti invito al contest Dolcemente, organizzato da me e da Monica del blog Dolci Gusti, con giudice Maurizio Santin :) Ti aspetto! :**

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì sì questo pane è ottimo e senza un briciolo di farina!! Grazie per l'invito. :) Buon week e a presto! :*

      Elimina
  2. Semplicemente fantastico. Mi piace con tutta quella frutta e i semini che tanto adoro. Siete bravissime. Fate apprezzare anche la cucina straniera con le vostre rielaborazioni!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Elly, viaggiare nelle cucine straniere è interessante e divertente! :)

      Elimina
  3. ciao carissima! non riesco a lasciarti commenti oggi...ti avevos critto un papiro e adesso si è cancellato tutto...arggggg
    riassumendo, ti facevo i mie più sinceri complimenti e ti ringrazio molto per la ricetta che sicuramente proverò essendo qst un concentrato di semi e semini taaaaaanto buoni che le mie mani non riescono a trattenersi dal voler replicare!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah ah Elena anch'io non ho saputo trattenermi...sentirai che bontà!! Un abbraccio e buona domenica! :**

      Elimina
  4. ma questo è un concentrato di salute....effettivamente hai avuto molto coraggio non è facile sfornare un così bel pane con tutti quei semi...bravissima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti Elena, temevo che l'impasto diventasse un panetto dell'età della pietra ^__^ e invece è un pane davvero gustoso e con i grassi sani della frutta secca fai il pieno di salute!

      Elimina
  5. Ho cercato la ricetta di questo pane per mesi, dopo essere tornata dalla Danimarca: grazie di averla postata: non sai quanto mi hai reso felice ;)

    Alla prossima,
    Alessia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E non sai quanto sono contenta anch'io di aver trovato la ricetta, questo pane è fantastico!! A presto. :-)

      Elimina
  6. La ricetta prevede 100 gr. semi di lino, però poi se ne devono macinare solo 3 cucchiai e il resto quando si mette? grazie ricette fantastiche...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I semi di lino rimanenti sono da unire alla miscela di frutta secca tritata e alle uova.

      Elimina

Inserisci un commento...

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.