lunedì 15 aprile 2013

Paleo Panino da Viaggio

Mangiare panini non è mai stato il mio modo preferito di mangiare, ma devo ammettere che a volte può essere pratico, soprattutto durante un viaggio. E proprio grazie ad un viaggio in programma è nata l'idea di questo "panino da viaggio". Quindi, ho pensato a come dovrebbe essere un panino del viaggiatore: sano e buono, morbido e senza lasciar briciole, saziante senza pesare sullo stomaco, sì perché in viaggio non voglio dormire ma preferisco leggere o guardare il paesaggio. Il vantaggio di preparare a casa il pranzo mi permette di utilizzare gli alimenti preferiti e di evitare cereali senza per questo rinunciare alla bontà, perciò non il solito panino, ma un panino con ingredienti pensati per un pranzo appetitoso, pratico da mangiare anche in treno, incartato nella carta forno come fosse una valigia a proteggere profumi e sapori.

Ma vediamo cosa ho messo nel mio "panino da viaggio": 
*Pane con farina di mandorle, che sostituisce perfettamente qualsiasi cereale e dona una consistenza soffice senza sbriciolarsi. Ho versato l'impasto in una cocotte ed ho sfornato un bel panino tondo e ben lievitato.
*Crème Fraîche (panna acida)un velo cremoso aromatizzato con erba cipollina per un contrasto leggermente acidulo.
*Frittatina di asparagi, cotta in forno, durante gli ultimi minuti di cottura del pane, in uno stampo da tartelletta.
*Lardo di Arnad DOP, quello della Valle d'Aosta, che viene stagionato in contenitori di rovere e insaporito con erbe raccolte in montagna. Qualche fettina tagliata sottile da intrufolare nel panino.
 Paleo Panino da Viaggio

Ingredienti per 1 Panino
Procedimento
  1. Sbattere le uova con la farina di mandorle, un pizzico di sale e il bicarbonato di sodio.
  2. Ungere e infarinare con farina di mandorle oppure foderare con carta forno una piccola pirofila da forno (diametro cm 9, altezza 5 cm) e versarvi il composto.
  3. Infornare a 170° per 40 minuti o fino a doratura, regolandovi col vostro forno e facendo la prova stecchino a cottura ultimata.
  4. Lasciar raffreddare e tagliare a metà.
Frittatina di Asparagi 

Ingredienti per una frittatina
Procedimento
  1. Pulire gli asparagi e tagliare le punte ad una lunghezza di 3 cm.
  2. Cuocere a vapore le punte degli asparagi per 15 minuti, poi tagliare a pezzetti e tenere da parte.
  3. Sbattere l'uovo con un pizzico di sale e l'erba cipollina, aggiungere gli asparagi e mescolare.
  4. Ungere uno stampo da tartelletta (diametro 10 cm) con il ghee o l'olio di cocco e versarvi il composto di uova e asparagi.
  5. Cuocere in forno a 170°C per 10 minuti.

Crème Fraîche all'erba cipollina

Ingredienti 
  • 20-30 gr di crème fraîche (panna acida)
  • ½ cucchiaino di erba cipollina fresca tritata o erba cipollina essiccata
Procedimento
  1. Mescolare l'erba cipollina alla panna acida.
Lardo di Arnad
  • 4-5 fettine tagliate sottili
Composizione
  1. Tagliare il panino a metà e stendere in entrambi i lati un velo di panna acida aromatizzata.
  2. Farcire con le fettine di lardo, appoggiare la frittatina di asparagi, coprire con le restanti fettine di lardo e chiudere.
  3. Incartare con carta da forno e gustare in viaggio!
Suggerimenti: Per ottimizzare tempo ed energia elettrica, cuocere la frittatina durante gli ultimi 10 minuti di cottura del pane. 
La Crème Fraîche all'erba cipollina è facoltativa e adatta alla versione Primal, da evitare per chi è intollerante al lattosio.
Il panino si può utilizzare come pane per accompagnare carne, pesce, uova e anche alimenti dolci come salse di frutta.

Con questa ricetta partecipo al Contest "Strega comanda: color bianco! Non il solito panino" ideato da Colors & Food 




Primo Classificato

Nel Contest di Colors & Food "Non il solito Panino"


Le mie ricette sono basate sulle linee guida Paleo, qui scopri di più sulla mia alimentazione e il mio stile di vita.
Per non perdere nessuna ricetta e ricevere gli aggiornamenti continua a seguirmi anche sulla pagina Facebook

28 commenti:

  1. Per me hai già vinto, questo è un signor panino che unisce gusto e originalità! Il pane alle mandorle mi piace tantissimo e immagino il gusto finale... con quel lardo di colonnata, la frittatina, la panna acida... fantastico! :D Bravissima, un bacione e buona settimana! :**

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vale è tutto esatto tranne per il lardo...ho messo quello di Arnad stagionato nelle botti di rovere! Un abbraccio e buona settimana a te! :**

      Elimina
  2. Io dico solo questo: parto con te!! mi piace poi la tua considerazione (tra quelle pratiche) a proposito delle briciole. Sacrosanta verità: soprattutto se ci sono bimbi a bordo, il fatto di non spargere briciole a profusione è essenziale (specie se il conducente è il papà che poi deve aspirare...)e poi almeno te lo gusti in tutto e per tutto. Un panino da applauso nel suo insieme e nella scelta dei singoli ingredienti, complimenti!
    un abbraccio e grazie!
    Vale

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vale ti aspetto!!! Pronti in carrozza...si parteeeee!! ^_^

      Elimina
  3. WOW Brava bravissima!ma perchè aspettare un viaggio? mi hai fatto venire l'acquolina in bocca solo a vederlo!complimenti anche per le foto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti in queste belle giornate può essere un'idea come pranzo al sacco! ;-)

      Elimina
  4. ma guarda che sei incredibile!!! che super panino strepitoso hai sfornato!?!?!?! farai faville in questi contest, ne sono certa! sei miticissima amica! ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sembra incredibile anche a me questo panino senza cereali che è lievitato senza lieviti! E il viaggio si avvicina... A presto cara!! ;-)

      Elimina
  5. Ciao! ti o scoperto x caso! bello il tuo blog! anche le ricette che proponi! certo questo panino è buonissimo...ma diciamo che sarebbe meglio consumarlo all'arrivo della meta prestabilita....eeheheheheh o anche dopo aver lavorato pesantemente in giardino.... cosa che sto facendo in questi gg... ne prendo uno...xk mi piace troppo! appena posso proverò a farlo... xk è davvero insolito!
    Ciao grazie Dany :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bello avere un giardino! Certo c'è da lavorare ma poi che soddisfazione vedere sbocciare i fiori. :-)
      Credo che questo panino ti piacerà...fa sapere e grazie per la visita!!

      Elimina
  6. ma che bello ...doppio bianco...lardo (veramente ottima scelta ..è speciale)e cremina per ammorbidire e poi il panino è davvero una favola!!! complimenti!!! Vittoria strameritata!!!!

    Come va con la Danimarca???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie!!! Non mi aspettavo di vincere il contest e invece sono contenta che sia piaciuto questo panino da viaggio!! ^_^

      Elimina
  7. In effetti all'inizio del post mi chiedevo che soluzione avresti trovato perché ricordavo che i cereali sono banditi dalla dieta paleo...bè..mi hai davvero stupito..è un'idea da provare assolutamente..complimenti per la ricetta e per il premio!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono ancor più contenta perché il mio panino non contiene cereali! Avevo già fatto il pane, è stata più complessa la ricerca degli ingredienti e poi abbinarli in modo gustoso ma il contest ha reso tutto divertente!!

      Elimina
  8. Oddio ma che meraviglia!! ^_^ Il pane con la farina di mandorle non lo avevo mai sentito, dev'essere speciale. Complimentissimi per l'idea del panino e per la vincità al contest!
    Un bacione

    RispondiElimina
  9. Questo blog e` stata una scoperta fantastica...da parecchio tempo sto cercando informazioni sullo stile di vita Paleo sui siti italiani (qui da me, in Croazia, e` praticamente sconosciuto)ma mi mancava un´ampia scelta di ricette...che finalmente ho trovato, grazie a te ;-))) Giusto mezz´ora fa ho fatto una passeggiata con il cane e ho raccolto un bel mazzetto di asparagi selvatici, e ora con questo panino la cena e`assicurata. Io faro` a meno della panna acida perche` sto pian piano eliminando tutti i latti e latticini. Grazie ancora per questo nuovo universo che mi hai fatto scoprire :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benvenuta Dolcezza! Sapere che l'alimentazione Paleo è nel nostro DNA dai tempi del paleolitico sembra strano sia ancora poco conosciuta! Anch'io evito i latticini, ogni tanto uso panna, yogurt e ghee che ho notato non mi danno problemi. Torna a trovarmi e buon fine settimana! :-)

      Elimina
  10. Ciao e grazie molte per le tue ricette interessantissime!
    Ma senti il bicarbonato di sodio che usi è quello farmaceutico o ce n'è un tipo alimentare? Grazie mille :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il bicarbonato di sodio che uso per le ricette è quello per uso alimentare!!
      Grazie per il commento e a presto! :)

      Elimina
    2. ah grazie scusa l'ignoranza.. lo compro al supermercato?? :)

      Elimina
    3. Sì è in polvere, in una confezione di cartone. Si usa per tante cose, anche per lavare frutta e verdure.

      Elimina
  11. Un'informazione: in generale quando si parla di farina di mandorle, è possibile macinare finemente il quantitativo corrispondente della frutta a guscio o la si deve comperare già confezionata?
    Grazie,

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come preferisci, in ogni caso ti consiglio di usare mandorle pelate e che siano macinate finemente.

      Elimina
  12. Complimentoni!! Per il blog (una manna dal cielo per chi approccia la paleo o comunque vuole eliminare i cereali dalla propria dieta) e per il pane, che è buonissimo ed anche un imbranato in cucina come me è riuscito a preparare in 5 minuti! Vorrei approfittare per una piccola digressione.. a mio avviso la paleo ha un solo difetto, è poco "sostenibile", nel senso che prevede spesso prodotti esotici e che comunque vanno ordinati preconfezionati (con tutto ciò che ne consegue a livello di inquinamento per i trasporti e di genuinità del prodotto), mi piacerebbe che qualcuno (purtroppo in cucina sono negato e non ho molta passione!!) iniziasse a calibrare un'alimentazione paleo sui prodotti che tutti possiamo trovare nel piccolo alimentari e fruttivendolo sotto casa! Sarebbe il top!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per l'apprezzamento e benvenuto nel blog! A mio parere la Paleo è più sostenibile di tanti altri tipi di alimentazione! Forse dimentichi che per preparare pasta e pane tradizionali occorre il grano che viene importato dall’America e dalla Russia, molti biscotti industriali contengono olio di palma la cui produzione non è per niente sostenibile poiché si distruggono foreste pluviali minacciando l’esistenza di tanti animali tra cui gli orango.
      In paleo si utilizzano principalmente prodotti freschi, si consiglia carne da bestiame allevato al pascolo che è più sostenibile degli allevamenti intensivi (ti invito a guardare il filmato di Allan Savory nella sezione dedicata alle risorse sul mio blog), uova di galline allevate in libertà il che significa rispetto dell’animale e puoi trovarle da un contadino, frutta e verdure preferibilmente biologiche rispettando in questo modo la nostra salute e l’ambiente, il pesce preferibilmente pescato e se non abiti al mare è necessario trasportarlo.
      Un alimento che non troviamo in Italia e nemmeno in Europa è il cocco, tuttavia il cocco è ecosostenibile, viene chiamato “albero della vita” perché la palma da cocco viene tramandata da una generazione all’altra ed è interamente utilizzato, il frutto si utilizza per produrre latte, olio, acqua mentre con la scorza si fanno stuoie ed altri accessori, le foglie sono impiegate per cuocere il cibo. Purtroppo, dal fruttivendolo troviamo melanzane, pomodori e fragole a dicembre, evidentemente prodotte in serra con utilizzo di pesticidi mentre in Paleo si seguono le stagioni e l’ambiente è meglio salvaguardato. Potrei continuare dicendo che in Paleo non si spreca niente, il cibo avanzato è riutilizzato nel pasto successivo.

      Elimina
  13. Condivido quello che dici, volevo solo dire che per me l'optimum sarebbe riuscire a seguire un'alimentazione paleo (o libera da cereali che dir si voglia) con prodotti il più possibile a km 0! Per quanto il cocco sia una pianta ecosostenibile viene sempre da paesi tropicali a migliaia di km di distanza, così come il sale dell'Himalaya o altri prodotti esotici! Sul discorso della carne sono un pò in difficoltà, trovarla di allevamenti al pascolo non è molto facile purtroppo.. anzi se hai suggerimenti in merito ben venga! Comunque oggi abbiamo provato i muffin al cacao e fragole.. ottimi e velocissimi da fare!! Rinnovo ancora i miei complimenti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Capisco il tuo discorso ma non è sempre fattibile, l'utilizzo del cocco e del sale dell'Himalaya hanno un significato nell'alimentazione Paleo, il cocco ha tantissime proprietà benefiche per la salute dell'intestino e non solo, non è sostituibile con altri alimenti e oltretutto nelle problematiche autoimmuni è consentito mentre la frutta secca non è concessa. Per quanto riguarda il sale dell'Himalaya contiene tantissimi minerali e non è paragonabile ad altre varietà di sale, io lo alterno al sale integrale dell'Atlantico oppure al sale grigio di Guerande, se preferisci un sale italiano sono validi anche il sale di Cervia o il sale di Trapani o di Mothia ma sono comunque diversi e meno ricchi di sali minerali. Per la carne da allevamento al pascolo ci sono già alcuni allevatori, puoi fare una ricerca in internet.

      Elimina

Inserisci un commento...

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.