mercoledì 6 marzo 2013

Gueffus Mimosa

I Gueffus sono dolcetti alle mandorle, tipici della pasticceria sarda, fatti con farina di mandorle e zucchero. Creare la variante Paleo è stato davvero una sciocchezza, ho semplicemente sostituito lo zucchero con il miele e aromatizzato con spremuta di limone. Per la variante gialla li ho rotolati in scorza di limone grattugiata e nella farina di cocco per la variante bianca. 
Si possono servire in pirottini di carta oppure avvolti in carta gialla come il fiore simbolo della Festa della Donna, la mimosa, il cui significato nel romanzo "Il linguaggio segreto dei fiori" è sensibilità. 
Se invece, preferite confezionarli come vuole la tradizione sarda per la Pasqua, si possono avvolgere i gueffus in pezzetti quadrati di carta di alluminio e poi in carta velina colorata, avvolgendoli a forma di caramella e sfrangiando le estremità con le forbici. Semplici e divertenti, un gioco per i bambini che si divertiranno aiutandovi a rotolare e avvolgere questi sani dolcetti nelle carte colorate. J 
Gueffus Mimosa di Armonia Paleo

Gueffus Mimosa


Ingredienti per circa 18 gueffus
  • 150 gr di farina di mandorle pelate
  • 2 cucchiai di spremuta di limone
  • 2 cucchiai di miele di acacia
Per la copertura
  • 1 cucchiaio di farina di cocco
  • Scorza grattugiata di 2 limoni biologici
  • Spremuta di limone
Per la confezione
  • Pirottini di carta oppure carta di alluminio e velina colorata
Procedimento:
  1. Diluire il miele con la spremuta di limone filtrata, aggiungere la farina di mandorle e impastare fino ad ottenere un composto malleabile.
  2. Dividere l'impasto a metà.
  3. Mettere la farina di cocco e la scorza di limone grattugiata in due piattini separati.
  4. Prelevare dall’impasto delle piccole porzioni e formare delle palline grandi come noci.
  5. Rotolare le palline nella spremuta di limone filtrata e poi nella farina di cocco o nella scorza di limone grattugiata.
  6. Servire in pirottini di carta oppure avvolgere in carta di alluminio e successivamente in carta velina colorata sfrangiando le estremità.
Suggerimenti: Si conservano in frigorifero per parecchi giorni.
Gueffus Mimosa di Armonia Paleo

Con questa ricetta, che dedico a tutte le donne, partecipo al Contest "Marzo in Bianco e Giallo" indetto da Colors & Food.

e siccome sono dolcetti senza latte, partecipo anche al contest "I dolci senza .. latte" indetto da Serena del blog Sfizi e Vizi 
Il mio Contest "I Dolci senza .. latte"

Gueffus Mimosa di Armonia Paleo
Ti potrebbe anche interessare:
Tartufini di mandorle e datteri

15 commenti:

  1. Fantastici! Questi li faccio sicuramente e metto sotto i bambini a lavorare con la carta velina, grazie mille cara :-*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chissà se piacciono anche alla nostra amica sarda? ^_^

      Elimina
  2. devo farti i complimenti ,oltre le ricette hai una eleganza e fantasia per l'esposizione davvero notevole

    RispondiElimina
  3. Sono raffinatissimi e perfetti per entrambi i contest a cui partecipi. Inoltre non li conoscevo ma gli ingredienti che hai usato sono una garanzia di bontà! Li inserisco subito in gara!buona giornata e grazie di cuore per aver partecipato!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Serena! Sono troppo buoni, credo dovrò rifarli prima dell'8 marzo. ^__^

      Elimina
  4. Non vedo l'ora di provarli;-) ottima idea per la festa della donna...brava anzi bravissima ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Difficile è stato pensare l'ingrediente giallo, avevo provato con la curcuma ma non ve la consiglio. ^_^

      Elimina
  5. che belli e come sono ben presentati, concordo con chi, qua sopra ti ha fatto i complimenti per l'eleganza: brava davvero!

    PS: a verderla pensavo al periodo Paleo e a quanta distanza ci sia tra la tua ricetta ed il principio a cui si rifà :))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Cinzia, grazie per il complimento!
      PS: utilizzo solo alimenti consentiti dalle linee guida dell'alimentazione Paleo ma per fortuna si è evoluta, non è più quella di "Wilma dammi la clava" ^__^

      Elimina
  6. Ciao, l'dea della decorazione è molto carina!! Capisco la sostituzione dello zucchero. Ho provato poco tempo fa a fare i "bucconettos", sono come i gueffos, ma con la farina di nocciole ed il miele, ma trovo che il miele renda l'impasto troppo compatto, prima o poi posterò la ricetta!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Con la farina di nocciole? Un altro dolcetto da provare prima o poi! ^_^

      PS: non conosco la ricetta dei bucconettos ma non credo sia il miele a rendere l'impasto troppo compatto, prova a modificare le quantità degli ingredienti.

      Elimina
    2. Magari..faccio riferimento ad un testo tanto bello quanto fumoso...ma proverò..

      Elimina
  7. complimenti mia cara amica di web!!! sapevo che saresti stata notata! :-)

    RispondiElimina

Inserisci un commento...

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.