martedì 22 gennaio 2013

Jodenkoeken - Biscotti Olandesi

Viaggiando nelle cucine del mondo ci si può ritrovare a partecipare al Contest "L'Abbecedario Culinario della Comunità Europea" che attraversa tutti gli stati europei, progetto nato da qui per un percorso esplorativo nelle cucine europee. Ogni nazione sarà ospitata da un blog diverso, questo mese si inizia da Gata da Plar con la cucina dei Paesi Bassi. Ho fatto una lunga ricerca per questa prima tappa perché, anche se mi piacciono i tulipani e i quadri di Vermeer , non ho mai visitato i Paesi Bassi.
Ragazza con l'orecchino di perla - Museo Mauritshuis - L'Aja
Dipinto di Jan Vermeer, preso da qui 

Ho notato che i Paesi Bassi non hanno una propria tradizione culinaria, quindi mancano piatti tipici. Non trovavo qualcosa che mi piacesse e di adattabile all'alimentazione Paleo (e cioè senza cereali, senza legumi né latticini), stavo già per desistere finché sono incappata nel sito The Dutch Table (Il Tavolo Olandese) e ho scoperto che gli olandesi hanno una vasta cultura in fatto di biscotti. Fra le tante ricette ho scelto i "Jodenkoeken" (o biscotti ebraici) perché ho già fatto qualcosa di simile senza farine di cereali e anche perché mi hanno ricordato Anna Frank che visse parte della sua breve vita ad Amsterdam. 
La particolarità di questi biscotti è la loro dimensione (10 cm di diametro), per tagliarli ho usato uno stampo da crostatina rispettando così la forma originale smerlataNel tempo sono nate varianti con spezie diverse ma ho mantenuto gli aromi di base della vaniglia e del limone. Il risultato è un grande biscotto di pasta frolla senza uova che si scioglie in bocca, da gustare a colazione o per uno snack con una tazza di tè. 
Jodenkoeken - Biscotti Olandesi di Armonia Paleo
Jodenkoeken - Biscotti Olandesi

Ingredienti per 11 grandi biscotti

Procedimento

  1. Sciogliere il ghee in un tegamino, togliere dal fuoco e mescolare col miele e il latte di cocco.
  2. In una terrina mescolare la farina di mandorle con la scorza di limone grattugiata, il pizzico di sale e l’interno di mezzo baccello di vaniglia.
  3. Unire gli ingredienti umidi ai secchi e mescolare fino ad ottenere un impasto morbido ma che si possa stendere con il mattarello.
  4. Avvolgere l’impasto in pellicola trasparente e mettere in frigorifero per un ora.
  5. Togliere la pasta dal frigorifero e metterla tra due fogli di carta forno; stendere la pasta con un mattarello fino allo spessore di circa mezzo cm.
  6. Ritagliare dei biscotti con un grande stampo del diametro di circa 10 cm.
  7. Infornare su una teglia foderata con carta da forno a 160°-170° per 10 minuti o fino a lieve doratura.
  8. Lasciare raffreddare e servire.
Suggerimenti: se non si dispone di uno stampo da crostatina si possono tagliare i biscotti con un bicchiere o con il coperchio di un vasetto.
Con questa ricetta dei Paesi Bassi partecipo al Contest "L'Abbecedario Culinario della Comunità Europea" organizzato da Trattoria Muvara


Jodenkoeken - Biscotti Olandesi di Armonia Paleo

Ti potrebbe anche interessare:

16 commenti:

  1. Questi biscottoni sono BELLISSIMI da guardare e immagino BUONISSIMI da mangiare :P***
    Mi piace anche il fatto che non ci siano le uova ^^
    Non ho il latte di cocco... potrei sostituirlo con latte di riso? :)
    Grazie Carissima per il tuo preziosissimo contributo all'Abbecedario Culinario d'Europa e benvenuta tra le blogger ^^
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
  2. Grazie Mony!! Le uova non ci sono nemmeno nella ricetta originale e ti confermo che questi biscottoni sono buonissimi! Penso che il latte di cocco si possa benissimo sostituire, in fondo si tratta di 1 cucchiaio per legare l'impasto. :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. allora nel w-e li faccio!
      sai, mi sono rimessa "in riga" dopo i bagordi natalizi ma nel w-e mi piace concedermi un dolcetto e se trovo qualcosa di comunque leggero, ben venga! :)
      Un abbraccio!

      Elimina
  3. Golooooosiiii!! Hanno l'aspetto di quei biscotti burrosi da puciare nel thé. Prossimamente in lista ;-) e......mi spreco con i complimenti?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Te complimenta pure che a me fa piacere. Ah ah :-))
      I biscotti sono burrosi come quelli che si trovano nelle scatole di latta ma questi sono senza cereali. ;-)

      Elimina
    2. Si può usare la farina di cocco oppure quella di riso al posto di quella alle mandorle?

      Elimina
    3. La farina di riso è un cereale e in Paleo non si usa quindi non so dirti il risultato, mentre la farina di cocco e il cocco grattugiato non credo vadano bene perché hanno consistenza diversa dalla farina di mandorle, puoi provare.

      Elimina
  4. mi fa piacere che ti sia imbattuta nel nostro viaggio europeo, e questi biscotti hanno davvero un aspetto goloso, io amo fare i biscotti e ne sono sempre alla ricerca specie se non si usano uova e cariolate di zucchero ^___^ mi paiono più salutari, li farò sicuramente, ciauzzzzzz

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Martissima anche a me piace fare i biscotti e non uso mai zucchero ma solo poco miele o sciroppo d'acero che sono sicuramente più salutari. ^_^

      Elimina
  5. Questi li faccio di sicuro! Prima con la ricetta (quasi)originale, e poi provo alternativa speziata ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciaooooo! Mi son messa a testa in giù per capire che eri tu. ^_^

      Elimina
    2. ...parli tu che hai la faccia...a forma di mela! :O)

      Elimina
    3. ah ah però dovresti saperlo che in un'altra vita ero una mela... ;-)

      Elimina
  6. Your cookies look beautiful! I'm happy to be a part of the ABC culinary community! Looking forward to your next post!

    RispondiElimina
  7. Li abbiamo preparati oggi io e la mia bimba, per Babbo Natale stasera ;)
    E avevamo del succo e polpa di arancia avanzati dal budino di arancia (sempre tua ricetta, sarà il dolce per il pranzo di Natale domani) che abbiamo sostituito al latte di cocco (quindi scorza di arancia e non di limone)...
    ... sempre se arrivano a stasera!
    Che buoni!!!!
    Irene-MammaNene
    SergerPepper.com

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho, ho, ho! Babbo Natale non se ne andrà facilmente da casa vostra :-) Ottima idea il succo di arancia, proverò anch'io! Mi dirai il budino di arancia...un cucchiaio tira l'altro.
      Un bacio e Buon Natale!

      Elimina

Inserisci un commento...

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.